La delicatezza del papà #papàepannolini

Dunque, vediamo: cosa ricordo di quei primi giorni e settimane, a parte lo stordimento generale, la ferita del cesareo che sentivo a ogni passo, il ricordo indelebile del primo risveglio con neonato urlante per la fame in piena notte, noi, a casa dopo l’ospedale e nemmeno un’infermiera a cui aggrapparsi come zattera di salvataggio?

Immagine: Office

Se tralasciamo questo disorientamento misto a euforia ricordo che tanti gesti di accudimento sono venuti naturali.

Forse sono stata l’unica gestante incosciente che non ha voluto fare il corso pre-parto, ma nei momenti cruciali sia tu che io non abbiamo, credo, quasi mai avuto gesti incerti, paura di prendere in braccio nostro figlio, paura di toccarlo o fare danni in bilico tra il fasciatoio, il bagnetto e la pila di pannolini.
Quello che credi difficile, da un’ora all’altra diventa la tua quotidianità e il Cambio-del-Pannolino, quella Cosa spaventosa che hai immaginato per mesi e su cui hai sentito le peggiori nefandezze, diventa il gesto più naturale del mondo. Dimentichi che si tratta di scorie semi-radioattive e diventa scambio di sguardi, calore, benessere.
Ecco: delicatezza e senso di protezione è quello che ricordo del tuo primo cambio del pannolino, oltre alla volontà di essere un papà presente, attivo. E il modo di trattare quella pelle così delicata, con tatto e movimenti avvolgenti: come l’avessi fatto per tutta la vita. Detersione, un tocco di crema protettiva, un pannolino pulito: ed ecco che il tuo bimbo, per cui ti sciogli dal primo giorno come una caramella mou su un cruscotto al sole, torna fresco, pulito e profumato.
Per il tuo lavoro tutti pensano a te in termini di precisione, meticolosità, senso geometrico. Tu sei formule matematiche e voli della fantasia. Fisica quantistica e misure sbagliate del pensile in cucina. Harley-Davidson e pannolini. Riesci ancora a stupirmi.

Questo post è sponsorizzato da Babyfoille.

Con la nuova formulazione esclusiva di BabyFoille gli arrossamenti da pannolino non fanno più paura!

Scopri di più su http://www.babyfoille.it

 

 

 

 


Cosa ne pensi? Il tuo commento è benvenuto.