Il mio Slow Christmas

Non so se essere più scocciata per la fine del mondo del 21 dicembre o per la caldaia guasta che ho dovuto sostituire con una nuova di zecca (sperate che non vi si fermi mai una caldaia nel periodo natalizio).
Visto dalla vetrata di un magazzino di termoidraulica perso nella nebbia di un tramonto padano, Natale è uno sfondo su cui si agitano e si ricorrono omini frenetici. Forse non mi dispiace nemmeno tanto che per via della caldaia, dei preventivi e della ricerca di un idraulico mi stia perdendo quello che di solito si fa nei giorni precedenti il Natale: la ricerca di un parcheggio nel centro città congestionato, le code nei negozi con il giaccone addosso sempre più caldo, la lista delle cose da fare assolutamente entro Natale.
Guardatemi, non sto correndo a fare acquisti e nonostante questo sto benissimo.
Vedere che tutti corrono mi fa sempre l’effetto di farmi rallentare. Slow Christmas.

Cosa resta allora di questa attesa?

L’allegra confusione dei preparativi
Esplosioni di pecore e muschio
La foto non è di qualità, ma il momento sì.
Piccoli dettagli su cui perdere le ore (intanto chi ci rincorre?)
Impazienza per l’arrivo di Babbo Natale
Magia

10 Comments on Il mio Slow Christmas

  1. MotoPerpetuo
    20/12/2012 at 08:39 (1 year ago)

    Anche io non sopporto la frenesia di questi giorni, ed è per questo che mi muovo in largo anticipo con i preparativi, proprio per il piacere di assaporare tutto!
    Bellissime immagini!

    Reply
  2. verdeacqua
    20/12/2012 at 08:50 (1 year ago)

    che belle foto! viva lo slow christmas!

    Reply
  3. GAB
    20/12/2012 at 09:19 (1 year ago)

    ecco…fine del mondo, caldaia da aggiustare, lavoro da terminare entro il 23, niente giro per regali…e dalla finestra il mare in tempesta di ‘sti giorni…slow christmas anche per me! buona giornata!

    Reply
  4. La mia vita semplice
    20/12/2012 at 11:36 (1 year ago)

    GAB, più slow christmas per tutti. Dovremmo invitare gli amici, si sta benissimo da questa parte.

    Reply
  5. style2808
    20/12/2012 at 12:01 (1 year ago)

    condivido il tuo post! Il problema è che sotto Natale la vita quotidiana non si ferma, va avanti tra commissioni e inconvenienti e si aggiunge anche la frenesia di fare e preparare… ho appena letto un post di una mamma e della magia del Natale che viene a mancare andando avanti con l’età. Spesso il Natale diventa un peso (preparare il pranzo, i regali etc etc…). Bisognerebbe fare un fioretto e riscoprire la magia di questa festa adottando gli occhi dei bambini e con l’aiuto dello Slow Christmas!

    Reply
    • La mia vita semplice
      20/12/2012 at 12:14 (1 year ago)

      per dirne una, basterebbe uscire dalla consuetudine Natale = pranzo: sarebbe un piccolo passo per l’uomo ma un grande balzo per l’umanità

      Reply
  6. Zonzo Lando
    20/12/2012 at 14:15 (1 year ago)

    Eh sì, ci vuole proprio un po’ di calma in questo perdioro. Voto per il Natale slow come dici tu Bacioni!!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>